Sabato 24 Ottobre 2020
 
Home dal Policlinico
 
 
  :: Main Menu
  • Home
  • l'Azienda
  • Contatti
  • Struttura aziendale
  • FAQ
  • Gare e Concorsi
  • Atti deliberativi
  • Comunicazione - URP
  • Farmacovigilanza
  • Comitato Consultivo
  • Costruire_Salute
  • Internazionalizzazione e Ricerca Sanitaria
  • Amministrazione Trasparente
  • Intranet
  • Portale Appalti
  • Centri Riferimento Regionale Malattie Rare
  • CTC - Clinical Trial Center
  • Privacy
  • DPO
  • Medicina Orale e Odontoiatria per fragili
  • Cardiologia
  • Clinica Ortopedica e Traumatologica
  • Diagnostica per Immagini e Neuroscienze
  • UOC di Dermatologia e MTS
  • Link utili

    Pazienti in carico al Pronto Soccorso: 13


     Rosso      0
     Giallo            6
     Verde             7
     Bianco      0

    In attesa di visita: 1


     Rosso      0
     Giallo       1
     Verde      0
     Bianco      0

    Indice di sovraffollamento: 56 %
    Num. posti tecnici presidiati: 25
    Efficienza operativa standard: 0.08
    Permanenza entro 24h  13 paz.
    Permanenza tra 24h e 48h  1 paz.
    Permanenza oltre 48h  0 paz.



    dati aggiornati al 24/10/2020 23:37

















  •   Comunicazioni:
     
    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale



    Uso in sicurezza della formaldeide


    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Epidemia Epatite A - Tramissione schede per la rilevazione dei dati

    Allegato 1

    Allegato 2


    Elenco dei debiti fornitori ai sensi Art. 8 Legge n. 64/2013
    Si avvisa l'utenza che le informazioni sono in fase di aggiornamento in seguito all'applicazione della nuova normativa (D.Lgs. n. 33 del 14/3/2013) entrata in vigore il 20 Aprile 2013.


    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale



    ATTUALITA’ IN TEMA DI PREVENZIONE E CURA DELLA MALATTIA CEREBROVASCOLARE Print E-mail
     

    Relazione del Prof. Guido Bajardi tenuta alla “Riunione multidisciplinare per la presentazione del RISC 2 Registro Italiano Stenting Carotideo

    Si è svolto a Palermo presso il Centro Congressi Ospedale Buccheri La Ferla la riunione multidisciplinare per la presentazione del registro italiano Stenting Carotideo RISC 2. L’evento, promosso anche dall’Istituto Superiore della Sanità, con la partecipazione di numerosi relatori, ha messo in evidenza le attuali conoscenze sulla malattia cerebro vascolare e relative possibilità di cure e prevenzione attraverso la procedura di Stenting endovascolare.

    Tra le malattie cardiovascolari l’ictus o stroke è sicuramente tra le più frequenti. Infatti, la malattia cerebro vascolare è la terza causa di morte nei paesi occidentali e la prima causa di grave invalidità permanente.

    La vastità di questo problema della salute è ben sottolineata da Ross Naylor professore di chirurgia vascolare alla Leicester Royal Infirmary che recentemente su Vascular New di Febbraio ha affermato che nel Regno Unito ogni anno si manifestano circa 110.000 nuovi casi di Stroke e che attualmente sono circa 300.000 i disabili tra i sopravvissuti con un impegno del 5% del budget sanitario di quel Paese.

    Alcune brevi considerazioni sono opportune per meglio comprendere la malattia cerebro vascolare.

    L’arteriosclerosi è una malattia sistemica che spesso coinvolge le arterie coronarie, cerebrali e periferiche degli arti, determinando una marcata riduzione del flusso del sangue arterioso in questi distretti. L’immediata conseguenza è la sofferenza degli organi ed apparati colpiti per deficit di ossigeno ai tessuti interessati.

    Per quanto riguarda l’ictus o Stroke nella maggior parte dei casi è di natura embolica a partenza da una placca che ha sede nell’arteria carotide malata, arteria che decorre principalmente nel collo ed è per tale motivo curabile chirurgicamente. I sintomi neurologici sono facilmente rilevabili e caratteristici:

    “SINTOMI EMISFERICI” principalmente in relazione al territorio di distribuzione carotidea.

    TIA (attacco ischemico transitorio) episodio di deficit motorio e sensitivo che guarisce spontaneamente entro 24 ore

    Stroke deficit permanente delle funzioni motorie e sensoriali di varia entità che nei casi di infarto cerebrale grave può portare anche a morte.

    Inoltre se è colpito l’emisfero cerebrale dominante spesso, si ha anche la perdita della parola, afasia.

    AMAUROSI: temporanea cecità per l’occhio del lato colpito.

    “SINTOMI NON EMISFERICI” con insufficienza vertebro basilare come disartria, diplopia, vertigo, stato confusionale.

    L’ecocolordoppler dei vasi carotidei, esame rapido non invasivo e ben accettato dai pazienti permette di accertare rapidamente l’eventuale lesione arteriosclerotica “PLACCA” della carotide con elevata attendibilità. Successivamente può essere utilizzata la diagnostica radiologica con Angio TAC – Angio RMN al fine di valutare eventuali lesioni manifestatesi a carico dell’encefalo. 

    La prevenzione dello Stroke si basa, oltre che sul controllo ed eliminazione   dei principali fattori di rischio noti, quali diabete, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, fumo di tabacco, anche sulla identificazione dei soggetti a rischio per presenza di “Placca” arteriosclerotica alla carotide, che come detto è facilmente documentabile. Sono anche a rischio di Stroke coloro che in un recente passato hanno sofferto di episodi neurologici temporanei come quelli precedentemente descritti.

    L’intervento di TEA (tromboendoarteriectomia) della carotide a tutt’oggi rappresenta la più efficace forma di prevenzione dello stroke per pazienti con corretta indicazione.

    Trial europei e nordamericani:

    NASCET = NORTH AMERICAN SYNTOMATIC CAROTID ENDARTERECTOMY  TRIAL

    ECST = EUROPEAN CAROTID SURGERY TRIAL

    ACAS = ASYNTOMATIC CAROTID ATHEROSCLEROSIS STUDY

    ACST = ASYNTOMATIC CAROTID SURGERY TRIAL

    già da tempo hanno ampiamente dimostrato l’efficacia della TEA carotidea nella prevenzione dello Stroke nei soggetti a rischio accertato.

    Inoltre è anche possibile curare con il trattamento endovascolare “Stenting carotideo” specialmente i pazienti considerati non idonei alla chirurgia in quanto portatori di altre condizioni patologiche che rendono elevato il rischio operatorio (gravi cardiopatie insufficienza respiratoria, etc.).

    FATTORI DI RISCHIO:

    CRITERI ANATOMICI

    ·        Lesione cervicali alte o intratoraciche

    ·        Precedente chirurgia o radioterapia del collo

    ·        Occlusione arteria carotide controlaterale

    ·        Restenosi carotidea

    ·        Tracheotomia

    ·        Paralisi dei nervi ricorrenti

     

     

     

    COMORBILITA’

    ·        Età  > 80 anni

    ·        Classe ASA III – IV

    ·        Malattia coronarica

    ·        Recente infarto del miocardio

    ·        Severa broncopatia cronica ostruttiva

    Lo stenting carotideo è una metodica di cura che prevede, per i soggetti ove sia indicato, l’impianto di un dispositivo (Stent) che viene posizionato a livello della placca carotidea ricoprendola e dilatandola ripristinando così il normale flusso sanguigno. L’inserimento dello stent viene eseguito in corso di esame angiografico attraverso cateterismo femorale.

    Trials internazionali (Beach – Archer – Sapphire, etc.) recentemente conclusi hanno dimostrato nel breve periodo e per i soggetti con corretta indicazione, efficacia e percentuali di complicanze sovrapponibili a quelli della TEA carotidea.

    La TEA carotidea chirurgica e lo Stenting permettono una rapida ripresa del paziente con brevi tempi di degenza. 

    E’ interessante notare che nonostante i progressi scientifici raggiunti in questo settore specialistico, l’incidenza dello Stroke rimane sempre alta per la popolazione.

    E ciò è ancor più evidente in considerazione dei progressi relativi alla diagnostica e terapia. Un contributo al miglioramento della prevenzione e cura di questa malattia può essere raggiunto attraverso una maggiore informazione della popolazione ed alla sensibilizzazione  al problema di tutti coloro  che con vario titolo si occupano di problemi sanitari.

    Infine, sarebbe  utile il riconoscimento di un centro di riferimento regionale, altamente qualificato che tra l’altro possa anche promuovere attività scientifiche e di divulgazione aventi come obbiettivo quello di migliorare la prevenzione, diagnosi e cura della malattia cerebro vascolare, così come già avvenuto in altri ambiti della medicina.  

     

                  

    [Torna indietro]

     

    Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

     

     

    Nuovo sistema email AOUP

    @ ACCEDI


    Hit Counter
    17236498 Visite

    Browser Prefs
    Aggiungi ai preferiti
    Imposta homepage

    Who's online
    Sono connessi 114 ospiti e 0 utenti registrati

    Drive-in Clinics Tampone







    Informativa sui Cookies
    Leggi qui l'informativa sui cookies



    Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Paolo Giaccone" Via del Vespro, 129 90127 Palermo - C.F e P.I. AOUP 05841790826
    Centralino: 091 6551111 - Pec: protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it - Trasparenza: trasparenza@policlinico.pa.it
    URP: urp@policlinico.pa.it - Webmaster: webmaster@policlinico.pa.it

    Privacy - Amministrazione Trasparente - Ufficio Relazioni con il Pubblico - Università degli Studi di Palermo