Thursday 18 October 2018
 
Home News
 
 
  :: Main Menu
  • Home
  • l'Azienda
  • Contatti
  • News
  • Struttura aziendale
  • FAQ
  • Gare e Concorsi
  • Atti deliberativi
  • Comunicazione - URP
  • Farmacovigilanza
  • DISABILI Prog. ANCORA
  • Comitato Consultivo
  • Costruire_Salute
  • Internazionalizzazione e Ricerca Sanitaria
  • Prevenzione Osteonecrosi Mascellari PROMaF
  • Amministrazione Trasparente
  • Attività del CQRC
  • Cardiologia
  • Intranet
  • Portale Appalti
  • Urologia
  • Privacy
  • Centri Rif. Reg. Malattie Rare















  •   Comunicazioni:
     

    Uso in sicurezza della formaldeide


    Uso in sicurezza della formaldeide


    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Epidemia Epatite A - Tramissione schede per la rilevazione dei dati

    Allegato 1

    Allegato 2


    Elenco dei debiti fornitori ai sensi Art. 8 Legge n. 64/2013 Si avvisa l'utenza che le informazioni sono in fase di aggiornamento in seguito all'applicazione della nuova normativa (D.Lgs. n. 33 del 14/3/2013) entrata in vigore il 20 Aprile 2013.


    Comunicazione orario estivo punti cassa Ticket - intramenia - Cartelle Cliniche - Prestazioni Aziendali - mesi Luglio e Agosto 2013


    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale


    Gestione dei rifiuti sanitari


    Rettifiche alle graduatorie definitive degli Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010.

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2009

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2010


    Nota Direzione Sanitaria sul sistema di notifica delle Malattie Infettive

    Scheda per segnalazione di caso sospetto di Malattia Infettiva


    Si informa che sulla Intranet nella cartella "Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010" della sezione "Documenti Aziendali" sono state pubblicate le graduatorie definitive degli aventi diritto.


    Avviso ASP di Catania su pubblicazione n. 3 bandi nella GURS speciale concorsi n. 10 del 29/07/2011


    Linee guida - Corretta prassi Igienico-Comportamentale nel Complesso Operatorio


    Delibera per l'istituzione Ufficio dei Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa S.S.N.


    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale medica e veterinaria S.S.N.

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale del comparto S.S.N


    Attività condotte per ridurre il rischio clinico nel 2010


    Guida alle prestazioni di diagnostica di laboratorio

    Stop al massacro mediatico Print E-mail
    28 mag 2007

    "Non possiamo pensare di essere uccisi in un parcheggio perché un paziente è morto". Dopo il tentato omicidio del cardiochirurgo di Lecce Giampiero Esposito da parte del marito di una malata deceduta, la Società italiana di chirurgia cardiaca (Sicch) punta il dito contro un "inaccettabile massacro mediatico nei confronti dei medici".

    Un 'battage' che induce "in pazienti e familiari il concetto che il risultato di una terapia debba essere solo positivo, e se così non fosse la responsabilità è della malasanità e dei medici che la rappresentano". Gli specialisti sottolineano che "il desiderio di immortalità della nostra società - si legge in una nota firmata dal presidente della Sicch, Ettore Vitali - non è compatibile con la realtà della clinica e delle risorse che abbiamo a disposizione".

    La Sicch "è vicina al collega e gli augura di poter ritornare presto alla sua stimatissima attività professionale", esordisce il comunicato. Perché anche se "i risultati attuali dei centri italiani sono tra i migliori al mondo", precisano gli esperti, "la mortalità è un evento possibile dopo ogni intervento di cardiochirurgia". Una specialità "molto visibile e spesso utilizzata per fare notizia". Non solo dai media, ma anche dalle istituzioni che "talvolta hanno partecipato di persona al balletto mediatico". Per esempio "pubblicando sul 'Corriere della Sera' una classifica delle cardiochirurgie buone e cattive". Spesso, incalzano gli esperti, si parla di malasanità "quando le responsabilità sono solo amministrative e gestionali".

    E "pazienti e avvocati hanno creato una santa alleanza all'americana per chiedere risarcimenti, dimenticandosi che i professionisti italiani guadagnano pochissimo rispetto ai rischi che si prendono". In conclusione, "siamo stanchi di essere additati come responsabili dei problemi della sanità italiana, logorati dall'essere considerati come terminali di spesa e non di cure, ed esasperati dall'essere accusati e trascinati in tribunale senza materia, 'tanto non costa niente'".

    La Sicch invita gli italiani a riflettere. "Anche se qualcuno forse non lo sa - scrive - il sistema si regge sul sacrificio personale degli addetti ai lavori, ma il vaso è ormai colmo. Che la società civile ci pensi: per avere le cure bisogna avere i dottori, ma noi non ce la facciamo più, e quindi chi e come ci curerà domani?".

     

    Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

     

     



    Webmail Login
    Username (dipendenti)

    Password
       

    Hit Counter
    10127123 Visite

    Browser Prefs
    Aggiungi ai preferiti
    Imposta homepage

    Who's online
    Sono connessi 156 ospiti e 0 utenti registrati









    Informativa sui Cookies
    Leggi qui l'informativa sui cookies

    Copyright 2002-2005© - All rights reserved - Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Paolo Giaccone" Palermo