Thursday 19 April 2018
 
Home News
 
 
  :: Main Menu
  • Home
  • l'Azienda
  • Contatti
  • News
  • Struttura aziendale
  • FAQ
  • Gare e Concorsi
  • Atti deliberativi
  • Comunicazione - URP
  • Farmacovigilanza
  • Comitato Etico Palermo 1
  • DISABILI Prog. ANCORA
  • Comitato Consultivo
  • Costruire_Salute
  • Regolamenti
  • Internazionalizzazione e Ricerca Sanitaria
  • Prevenzione Osteonecrosi Mascellari PROMaF
  • Amministrazione Trasparente
  • Attività del CQRC
  • Cardiologia Interventistica
  • Intranet
  • Portale Appalti
  • Urologia















  •   Comunicazioni:
     
    Gestione dei rifiuti sanitari


    Uso in sicurezza della formaldeide


    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Epidemia Epatite A - Tramissione schede per la rilevazione dei dati

    Allegato 1

    Allegato 2


    Elenco dei debiti fornitori ai sensi Art. 8 Legge n. 64/2013


    Comunicazione orario estivo punti cassa Ticket - intramenia - Cartelle Cliniche - Prestazioni Aziendali - mesi Luglio e Agosto 2013


    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale


    Gestione dei rifiuti sanitari


    Rettifiche alle graduatorie definitive degli Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010.

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2009

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2010


    Nota Direzione Sanitaria sul sistema di notifica delle Malattie Infettive

    Scheda per segnalazione di caso sospetto di Malattia Infettiva


    Si informa che sulla Intranet nella cartella "Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010" della sezione "Documenti Aziendali" sono state pubblicate le graduatorie definitive degli aventi diritto.


    Avviso ASP di Catania su pubblicazione n. 3 bandi nella GURS speciale concorsi n. 10 del 29/07/2011


    Linee guida - Corretta prassi Igienico-Comportamentale nel Complesso Operatorio


    Delibera per l'istituzione Ufficio dei Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa S.S.N.


    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale medica e veterinaria S.S.N.

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale del comparto S.S.N


    Attività condotte per ridurre il rischio clinico nel 2010


    Guida alle prestazioni di diagnostica di laboratorio

    AIDS: alcuni ricercatori italiani propongono un nuovo metodo per combattere l'infezione Print E-mail
    13 lug 2003

    Un gruppo di ricercatori italiani dell'Istituto superiore di sanita' e dell'universita' di Roma Tor Vergata ha individuato una nuova strada per tenere sotto controllo l'infezione da Hiv e salvare le cellule del sistema immunitario che normalmente sono il bersaglio del virus.

    La strategia, spiegano Enrico Garaci, Filippo Berardelli e Carlo Federico Perno sulla rivista americana Proceedings of  National Academy of Sciences, consiste nel bloccare con un anticorpo specifico il fattore di crescita nervoso (Ngf) individuato dal premio Nobel Rita Levi Montalcini, che viene prodotto da alcune cellule chiamate macrofagi, ritenute il serbatoio del virus dell'Aids.

    Tali cellule, secondo gli studiosi, permettono che l'infezione diventi cronica perche' sono in grado di trasportare il virus Hiv nelle cellule del sistema immunitario chiamate linfociti T.

    L'Ngf, ha spiegato Garaci, e' un fattore di crescita che viene prodotto quando i macrofagi vengono infettati dall'Hiv.

    Ma se si blocca questa sostanza con un anticorpo la cellula serbatoio viene indotta al suicidio e con lei anche il virus Hiv. In questo modo viene meno la riserva di virus che alimenta in continuazione l'infezione.

    I dati sperimentali di questa nuova strategia sono stati dimostrati non solo in provetta ma in vivo nei topi, ai quali erano state inoculate cellule del sistema immunitario umano.

    I ricercatori hanno dapprima inoculato nei topi i macrofagi infettati dall'Hiv insieme ad alcuni linfociti umani osservando che erano sufficienti 500 cellule serbatoio per uccidere 30 milioni di linfociti.

    Successivamente hanno somministrato anticorpi anti Ngf: i topi trattati con gli anticorpi erano protetti dall'infezione, dimostrando che il trattamento induce nei macrofagi il suicidio cellulare (apoptosi), aprendo la strada ad un nuovo approccio nella terapia.

    ''I dati sperimentali sono promettenti - conclude Garaci - e i test proseguiranno ora su scimmie prima di passare all'uomo''.

    Clicca qui per leggere l'abstract originale

    (ANSA).

     

    Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

     

     



    Webmail Login
    Username (dipendenti)

    Password
       

    Hit Counter
    9478980 Visite

    Browser Prefs
    Aggiungi ai preferiti
    Imposta homepage

    Who's online
    Sono connessi 224 ospiti e 0 utenti registrati









    Informativa sui Cookies
    Leggi qui l'informativa sui cookies

    Copyright 2002-2005© - All rights reserved - Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Paolo Giaccone" Palermo