Monday 16 July 2018
 
Home News
 
 
  :: Main Menu
  • Home
  • l'Azienda
  • Contatti
  • News
  • Struttura aziendale
  • FAQ
  • Gare e Concorsi
  • Atti deliberativi
  • Comunicazione - URP
  • Farmacovigilanza
  • Comitato Etico Palermo 1
  • DISABILI Prog. ANCORA
  • Comitato Consultivo
  • Costruire_Salute
  • Internazionalizzazione e Ricerca Sanitaria
  • Prevenzione Osteonecrosi Mascellari PROMaF
  • Amministrazione Trasparente
  • Attività del CQRC
  • Cardiologia Interventistica
  • Intranet
  • Portale Appalti
  • Urologia
  • CTC - Clinical Trial Center
  • Privacy















  •   Comunicazioni:
     
    Attività condotte per ridurre il rischio clinico nel 2010


    Uso in sicurezza della formaldeide


    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Epidemia Epatite A - Tramissione schede per la rilevazione dei dati

    Allegato 1

    Allegato 2


    Elenco dei debiti fornitori ai sensi Art. 8 Legge n. 64/2013


    Comunicazione orario estivo punti cassa Ticket - intramenia - Cartelle Cliniche - Prestazioni Aziendali - mesi Luglio e Agosto 2013


    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale


    Gestione dei rifiuti sanitari


    Rettifiche alle graduatorie definitive degli Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010.

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2009

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2010


    Nota Direzione Sanitaria sul sistema di notifica delle Malattie Infettive

    Scheda per segnalazione di caso sospetto di Malattia Infettiva


    Si informa che sulla Intranet nella cartella "Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010" della sezione "Documenti Aziendali" sono state pubblicate le graduatorie definitive degli aventi diritto.


    Avviso ASP di Catania su pubblicazione n. 3 bandi nella GURS speciale concorsi n. 10 del 29/07/2011


    Linee guida - Corretta prassi Igienico-Comportamentale nel Complesso Operatorio


    Delibera per l'istituzione Ufficio dei Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa S.S.N.


    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale medica e veterinaria S.S.N.

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale del comparto S.S.N


    Attività condotte per ridurre il rischio clinico nel 2010


    Guida alle prestazioni di diagnostica di laboratorio

    Allarme mortalità infantile nei paesi dell'est Print E-mail
    22 lug 2003

    I bambini muoiono e spesso nessuno conosce le vere dimensioni della tragedia. Secondo un nuovo rapporto presentato a Roma dall'Unicef (Fondo delle Nazioni unite per l'infanzia), nei paesi dell'Europa centrale e della Comunita' degli Stati indipendenti (Csi, ex Urss) i tassi di mortalita' infantile sono molto superiori alle cifre rese note dai governi. Le statistiche ufficiali nel Caucaso e nell'Asia centrale, denuncia l'Unicef, nascondono la gravita' della crisi, suggerendo invece che ci siano stati progressi sulla mortalita' infantile.

    In tutta la regione - afferma il Social Monitor 2003 - 60 mila bambini sono morti nel 2001 prima di aver compiuto un anno: un dato tre volte superiore al numero delle mortalita' infantili nell'Unione europea.

    Ma che cosa c'e' dietro alle statistiche inesatte sulla mortalita' infantile? Per esempio, secondo il rapporto, false registrazioni.

    Un'eredita' del passato sovietico, quando ospedali e personale sanitario potevano essere penalizzati se non raggiungevano gli obiettivi di riduzione della mortalita' infantile fissati dal governo centrale.

    Cosi' anche oggi il personale sanitario che non ha risorse per salvare tutti i neonati, li classifica come nati morti o come aborti spontanei. Un altro errore e' la mancata applicazione della definizione internazionalmente accettata di 'nato vivo'.

    ''La definizione dell'Organizzazione mondiale della sanita' stabilisce che un neonato e' vivo se e' presente un qualsiasi segnale di vita.

    La definizione dell'era sovietica, ancora dominante in molti paesi della Csi, obbliga il personale medico a ignorare tutti i segnali di vita eccetto la respirazione, e a rubricare tutti i bambini nati troppo prematuramente come nati morti''.

    Il Rapporto, redatto dal Centro ricerca Innocenti dell'Unicef con sede a Firenze, mette in luce una realta' agghiacciante di poverta', malnutrizione, scarsita' di assistenza medica.

    ''Siamo qui per attirare l'attenzione su un tema che e' alla base della missione dell'Unicef: garantire la salvezza dei bambini'', ha detto il direttore generale dell'Unicef, signora Carol Bellamy, intervenendo alla presentazione del Social Monitor 2003.

    In Armenia, Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan, ha sottolineato Bellamy, ''il tasso reale di mortalita' infantile e' cinque volte superiore a quello del resto della regione e ben 12 volte superiore a quello dei paesi industrializzati dell'Occidente''.

    Bellamy ha concluso affermando che ''un buon inizio nella vita non e' solo una bella idea: e' un obbligo. Tutti gli stati della regione hanno ratificato la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia''. (ANSA).

     

    Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

     

     



    Webmail Login
    Username (dipendenti)

    Password
       

    Hit Counter
    9804128 Visite

    Browser Prefs
    Aggiungi ai preferiti
    Imposta homepage

    Who's online
    Sono connessi 174 ospiti e 0 utenti registrati









    Informativa sui Cookies
    Leggi qui l'informativa sui cookies

    Copyright 2002-2005© - All rights reserved - Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Paolo Giaccone" Palermo