Thursday 18 October 2018
 
Home News
 
 
  :: Main Menu
  • Home
  • l'Azienda
  • Contatti
  • News
  • Struttura aziendale
  • FAQ
  • Gare e Concorsi
  • Atti deliberativi
  • Comunicazione - URP
  • Farmacovigilanza
  • DISABILI Prog. ANCORA
  • Comitato Consultivo
  • Costruire_Salute
  • Internazionalizzazione e Ricerca Sanitaria
  • Prevenzione Osteonecrosi Mascellari PROMaF
  • Amministrazione Trasparente
  • Attività del CQRC
  • Cardiologia
  • Intranet
  • Portale Appalti
  • Urologia
  • Privacy
  • Centri Rif. Reg. Malattie Rare















  •   Comunicazioni:
     
    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Uso in sicurezza della formaldeide


    POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.
    protocollo.aoup@pec.policlinicogiaccone.it


    Epidemia Epatite A - Tramissione schede per la rilevazione dei dati

    Allegato 1

    Allegato 2


    Elenco dei debiti fornitori ai sensi Art. 8 Legge n. 64/2013 Si avvisa l'utenza che le informazioni sono in fase di aggiornamento in seguito all'applicazione della nuova normativa (D.Lgs. n. 33 del 14/3/2013) entrata in vigore il 20 Aprile 2013.


    Comunicazione orario estivo punti cassa Ticket - intramenia - Cartelle Cliniche - Prestazioni Aziendali - mesi Luglio e Agosto 2013


    CIO
    Delibera 493-19/06/2013 – Approvazione programma di prevenzione delle infezioni ospedaliere e protocollo di sorveglianza ambientale


    Gestione dei rifiuti sanitari


    Rettifiche alle graduatorie definitive degli Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010.

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2009

    Graduatoria definitiva corretta degli interventi a favore del personale anno 2010


    Nota Direzione Sanitaria sul sistema di notifica delle Malattie Infettive

    Scheda per segnalazione di caso sospetto di Malattia Infettiva


    Si informa che sulla Intranet nella cartella "Interventi a favore del personale anni 2009 e 2010" della sezione "Documenti Aziendali" sono state pubblicate le graduatorie definitive degli aventi diritto.


    Avviso ASP di Catania su pubblicazione n. 3 bandi nella GURS speciale concorsi n. 10 del 29/07/2011


    Linee guida - Corretta prassi Igienico-Comportamentale nel Complesso Operatorio


    Delibera per l'istituzione Ufficio dei Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa S.S.N.


    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale medica e veterinaria S.S.N.

    Codice disciplinare del personale dell'area contrattuale del comparto S.S.N


    Attività condotte per ridurre il rischio clinico nel 2010


    Guida alle prestazioni di diagnostica di laboratorio

    Malati terminali: metà dei medici non consultano i parenti Print E-mail
    05 ago 2003

    In Italia il destino di un malato terminale nella meta' dei casi viene deciso solo dal medico, che non si consulta con il paziente o i suoi parenti, e che tende a evitare la somministrazione di analgesici, alla luce di effetti collaterali che potrebbero accelerarne la fine.

    Sono questi gli elementi salienti di uno studio svolto in sei Paesi, fra cui l'Italia, sui processi decisionali che precedono la morte e sull'eventuale esistenza di pratiche di morte assistita ed eutanasia. Gli altri Paesi interessati dallo studio sono Olanda, che ha il piu' alto tasso di casi di morte assistita, Belgio, Danimarca, Svezia e Svizzera. Stando allo studio pubblicato sull'ultimo numero della rivista britannica Lancet, che nelle settimane scorse ne aveva dato alcune anticipazioni online, e cui hanno contribuito gli esperti del Centro per lo studio e la prevenzione del Cancro di Firenze, un decesso su quattro circa (il 23%) in Italia comporta un processo decisionale.

    Uno su tre avviene improvvisamente invece, escludendo cosi' qualsiasi processo decisionale. In Italia solo nell'1% dei decessi sono state prese decisioni con lo scopo preciso di avvicinare la fine - mediamente di un mese circa - contro il 3,4% dell'Olanda.

    Le decisioni di questo tipo interessano trattamenti come la rianimazione cardiopolmonare, il collegamento a sistemi di respirazione assistita o la nutrizione artificiale. Sempre stando allo studio coordinato dall'Erasmus University di Rotterdam, con un tasso del 19% l'Italia risulta inoltre in fondo alla classifica del ricorso agli analgesici per i malati terminali, che potrebbero, come effetto collaterale, aggravarne le condizioni e spingere verso la fine.

    Il ricorso piu' frequente agli analgesici in questo contesto - nel 26% dei casi - riguarda la Danimarca. Anche per quanto concerne il rapporto medico-paziente e medico-parenti del paziente, in fondo alla classifica, assieme alla Svezia, c'e' l'Italia, dove in oltre il 50% dei casi il medico prende le decisioni del caso, senza consultarsi con i piu' direttamente interessati. In Olanda i medici che si consultano con gli interessati sono l'85%.

     

    Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

     

     



    Webmail Login
    Username (dipendenti)

    Password
       

    Hit Counter
    10127381 Visite

    Browser Prefs
    Aggiungi ai preferiti
    Imposta homepage

    Who's online
    Sono connessi 123 ospiti e 0 utenti registrati









    Informativa sui Cookies
    Leggi qui l'informativa sui cookies

    Copyright 2002-2005© - All rights reserved - Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Paolo Giaccone" Palermo